Comunicazione Analogica®

Comunicazione Analogica®

” L’ipnosi non esiste, tutto è ipnosi ” diceva Milton Erickson

Ecco quindi che il mondo, come noi lo conosciamo, ci fa vivere in uno stato di perenne ipnosi inoltrataci inconsciamente dai Media (TV, Radio, Internet etc.), dai genitori, dagli amici e anche da noi stessi.

Quando questi livelli superano un limite, noi entriamo in uno stato di blocco che ci costringe a fare o a non fare qualcosa.

Stefano Benemeglio, l’ideatore del metodo, definisce questo particolare stato “posizione ortostatica”.

La comunicazione analogica, permette di stimolare in maniera volontaria l’istinto della persona e leggere importanti informazioni definite tecnicamente “gradimenti” e “rifiuti”

Più la persona mostrerà gradimenti attraverso la sua comunicazione non verbale e più sarà portata all’assenso e consenso per quello che diciamo, facciamo e siamo.